Si guarda malattie, trattamenti, e / o altri elementi relativi alla tua ricerca Eparina sodica. Per ulteriori informazioni per il trattamento delle malattie con Tutti Omeopatiche: revivan,anuria,oligoanuria,eparina non frazionata,atropina,xilocaina,febbre intermittente,porpora,otodinia,shock medicina.

Nuova ricerca

Se non siete soddisfatti dei risultati al di sotto s preghiamo di fare una nuova ricerca


7 risultati per la ricerca di: eparina sodica

1

EPARINA NON FRAZIONATA

Caratteristiche L’eparina non frazionata (eparina sodica o calcica) è un glicosoaminoglicano ad azione anticoagulante: accelera di circa mille volte l’azione dell’antitrombina III (sostanza che inattiva la trombina). Oltre all’attività antitrombinica l’eparina inibisce il fattore Xa, riduce l’attivazione dei fattori IX, VII, X e XIII, inibisce la liberazione del fattore piastrinico 3 e deprime gli inibitori […]

2

Coagulazione intravascolare disseminata

La coagulazione intravascolare disseminata (CID) c una sindrome emorragico-trombotica caratterizzata dalla simultanea presenza di manifestazioni emorragiche (cutanee e mucose) e dei segni clinici di una microtrombosi diffusa. I principali meccanismi patogenctici responsabili della CU) sono: • attivazione della cascata coagulativa con consumo dei fattori della coagulazione e delle piastrine • produzione massiva di fibrina • […]

3

ALTEPLASI (Actilyse fi 50 ml, 50 mg/50 ml)

Caratteristiche L’alteplasi (attivatore tissutale umano ricombinante del plasminogeno rt-PA) si lega alla fibrina presente nei trombi favorendo la conversione del plasminogeno in plasmina. L’alteplasi viene prodotto con la tecnica del DNA complementare per l’attivatore tissutale umano naturale derivato dalle cellule di melanoma umano. Indicazioni Trattamento trombolitico dell’infarto miocardico acuto transmurale, della tromboembolia polmonare massiva, della […]

4

Occlusione acuta delle arterie degli arti inferiori

L’occlusione improvvisa delle arterie degli arti inferiori può essere secondaria a embolia oppure a trombosi. L’occlusione embolica di un’arteria periferica è causata dalla disgregazione di placche ateromasiche, a sede aortica o arteriosa periferica (arterie femorali o poplitce), oppure di trombi localizzati, soprattutto, nelle cavità cardiache sinistre (trombi murali o valvolari). Anamnesi L’indagine anamnestica è orientativa […]

5

Congelamento

Il congelamento è la lesione che insorge in seguito all’esposizione di una zona del corpo (arti, naso, padiglioni auricolari, ecc.) a una bassa temperatura. Classificazione A seconda della profondità della lesione si distinguono tre gradi di congelamento: • congelamento di 1° grado: la lesione interessa la cute che si presenta pallida e ipoestesica; successivamente insorgerà […]

6

Sindromi coronariche acute

Con il termine di sindromi coronariche acute si indica uno spettro di condizioni cliniche caratterizzate da ischemia miocardica acuta: angina instabile, infarto miocardico non-Q o infarto miocardico senza sopralivellamento del tratto ST (NSTEM1: not ST elevation myocardial infarction) e infarto miocardico con sopralivellamento del tratto ST. Il momento patogenetico fondamentale delle sindromi coronariche acute è […]

7

Trombosi venosa profonda

La trombosi venosa profonda (TPV) è l’ostruzione, parziale o totale, di una vena del sistema venoso profondo da parte di un trombo. I trombi venosi accrescendosi (per progressivo deposito, soprattutto, di piastrine e fibrina) possono estendersi, occludendo interamente la vena, oppure embolizzarsi (dando luogo, per esempio, a embolia polmonare) oppure andare incontro a organizzazione e […]