Lussazione

Lussazione

Per lussazione si intende lo spostamento temporaneo o permanente dei capi articolari per cedimento dei mezzi di contenzione (capsule, legamenti e formazioni fibro-cartilaginee di rinforzo).
Quando la perdita dei rapporti fra i capi articolari è parziale si parla di sublussazione. Il meccanismo patogenetico della lussazione è, in genere, un movimento violento e abnorme impresso a uno o a entrambi i capi articolari; perché si realizzi la lacerazione dell’apparato capsulo-legamentoso occorre un movimento violento di torsione e/o trazione.
Le lussazioni interessano, più frequentemente, le seguenti articolazioni: scapolo-omerale, metacarpo-falangea, interfalangee, piede, ginocchio, gomito, anca, colonna vertebrale, mandibola (la lussazione della mandibola può realizzarsi dopo un profondo sbadiglio).

Quadro clinico
La lussazione provoca:
• dolore violento
• tumefazione
• impotenza funzionale dell’articolazione colpita.
Si evidenzia una alterazione nella morfologia della zona interessata.

Protocollo terapeutico
• Applicare una borsa di ghiaccio
• Immobilizzare l’articolazione colpita.
La riduzione della lussazione deve essere preceduta da un esame radiografico che escluda concomitanti fratture.

In caso di lussazione della mandibola:
• introdurre i pollici (dopo averli avvolti con un fazzoletto) nella bocca del traumatizzato, all’altezza dei molari inferiori, mentre le altre dita afferrano saldamente il mento
• spingere con i pollici verso il basso e indietro
• estrarre le dita dalla bocca, quando si avverte che i capi articolari stanno rientrando in sede, per evitare che vengano schiacciate dai denti.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi unirti alla discussione?
Sentiti libero di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *